Gaufres e lamponi, gioia a vagoni!

Capita questo: un sabato mattina ti svegli ed è anche San Valentino, ma non è questa la cosa che ti fa balzare in piedi traboccante di gioia in men che non si dica. A pensarci bene è solo merito di quella confezione di Gaufres che ti sta aspettando insieme ad una ciotolina piena di lamponi.

Il fascino del frigorifero a colazione nel fine settimana è sempre irresistibile, soprattutto se sei riuscita a fare una spesina rapida il venerdì sera per acquistare quei due o tre ingredienti che inizi a pregustare nel momento stesso in cui li vedi in negozio e decidi di portarteli a casa.

Giusto ieri sera, infatti, la mia attenzione durante una spesa lampo è stata rapita da una confezione di ben sei Gaufres surgelate. Erano lì che mi guardavano, le confezioni Picard, ordinatamente impilate a decine, con tenui toni di azzurro che catturavano per la freschezza e la semplicità dell’immagine.

Le Gaufres sono assolutamente adorate in questa casa, ma non sono mai riuscita a prepararle poiché non posseggo lo stampo senza il quale è impossibile riprodurre questa leccornia. Le ho mangiate spessissimo in Francia, ma nelle mie varie peregrinazioni non ho mai trovato un negozio in cui vendessero la particolare piastra che, ho scoperto recentemente, qualcuno chiama cialdiera. Motivo in più per organizzare una nuova vacanza in Francia (o in Belgio…) prossimamente.

Resta il fatto che, trovandomi davanti confezioni e confezioni di Gaufres già pronte le cui qualità e fragranza sono garantite dal marchio Picard, non potevo farmi scappare l’occasione. Mentre ieri sera mettevo nel carrello la mia colazione di questa mattina già me la prefiguravo, e già pensavo a cosa ci avrei potuto abbinare. Quello che mi mancava era solo una capatina dal fruttivendolo, e le mie papille gustative sarebbero state a un passo dalla felicità.

Stamattina ho voluto apparecchiare lo spazio della colazione con gli unici pezzi superstiti del servizio da caffè di mia nonna: due tazzine e la zuccheriera. Ogni volta che le uso mi sembra di avere tra le mani dei gioielli preziosissimi!

Il risultato è che oggi avrei fatto durare ore la colazione. Avrei rallentato tutti i gesti, perché c’erano tutti gli elementi per godersi il momento: les Gaufres pronte e fragranti in pochissimi minuti, una tavola allegra e semplice, dei piccoli frutti che adoro, la mia rivista preferita e tutto il tempo che voglio per rimanere seduta a chiacchierare con Andrea.

Niente cuori per San Valentino, oggi (a quello ci abbiamo pensato l’altro giorno!), ma direi che questa mattina è riuscita a raccogliere ugualmente una buona dose di cura in semplicissimi gesti… e nei piatti!

gaufre_560

Ingredienti:

1 confezione di Gaufres Picard

150 g di lamponi freschi

3 cucchiai di miele d’acacia

1 cucchiaio di zucchero al velo

Togliete la confezione di Gaufres Picard dal freezer.

Scongelate seguendo le indicazioni indicate sulla scatola (una delle soluzioni proposte è quella di utilizzare il tostapane).

Una volta calde distribuitevi sopra i frutti freschi.

Fate colare un po’ di miele sia su les Gaufres che sui lamponi.

Con un colino a maglie strette cospargete un leggerissimo velo di zucchero al velo.

Nulla di più semplice. Nulla di più buono.

Francine & Jo

gauffre-brunch 660

Written By
More from Francesca Riva

Piña colada con yogurt al cocco

E’ provato che una coppa di  Piña Colada in un afoso pomeriggio...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *