Polpettone vegetariano

Qualche sera fa mi è tornata in mente una ricetta che, negli anni passati, ho fatto centinaia di volte, ma che non preparo da moltissimo tempo: il polpettone vegetariano.

Io adoro la verdura (tutta la verdura…) e ne consumo in grandi quantità, lo stesso vale per la frutta, ma un po’ meno per i legumi. In tutto ciò, però, devo dire che i piatti di carne e i salumi mi piacciono tantissimo, tanto da farmi consultare immediatamente la pagina dei secondi quando, trovandomi a mangiare fuori casa, mi viene consegnato il menu.

Ultimamente mi è capitato di parlare con amici o conoscenti che stanno seriamente pensando di intraprendere un percorso (o l’hanno già fatto) che, piano piano, li porterà ad una cucina totalmente vegetariana. Qualcuno lo fa semplicemente perché non ama la carne, altri per questioni di salute, altri ancora per un discorso etico. Io ascolto e, ogni volta, mi pongo degli interrogativi circa questo argomento. Quello che so è che, a priori, ci deve essere una grandissima attenzione alle materie prime che portiamo in tavola, e che la nostra salute e l’ambiente in cui viviamo ci ringrazieranno se saremo davvero attenti ai prodotti che decideremo di consumare. Mi riferisco sia alla qualità che alla quantità degli alimenti.

Caratterialmente non sono portata a seguire le “mode”, a votarmi a percorsi che escludano completamente qualcosa, non mi “innamoro” facilmente di filosofie di vita alternative, ma sono comunque convinta che la libertà di scegliere di ognuno sia sacra e santa, soprattutto se la scelta è stata fatta in maniera consapevole e rispetta la libertà altrui.

Ad essere sincera non mi sento in dovere di sentirmi in colpa perché l’idea di una grigliata mista mi fa venire l’acquolina in bocca, rispetto infinitamente gli stili di vita (e di cucina) altrui, e non ho il minimo problema a consumare un pasto totalmente vegetariano. Vorrei, però, che non mi fosse puntato il dito contro quando dichiaro di essere in perfetto accordo con chi afferma che l’uomo è un animale onnivoro.

Resta il fatto che, comunque la pensiate, su un argomento saremo sicuramente d’accordo: la ricetta di questo polpettone vegetariano è davvero appetitosa!

polpetone vegetariano 560

Per il polpettone:

500 g di spinaci freschi

3oo g di erbette

300 g di rucola

2 cucchiai di acqua

3 uova

100 g di pangrattato

250 g di caprino (andranno benissimo anche robiola o ricotta, se preferite)

50 g di uvetta sultanina

200 g di parmigiano grattugiato

1 cucchiaino di zenzero in polvere

50 g di cipollotto

2 cucchiai di olio evo

sale e pepe qb

Per la salsa d’accompagnamento:

1 vasetto di Maionese di riso Bio Nattura

2 cucchiai di yogurt naturale magro

1 cucchino di capperi sotto sale

Procedimento:

Per il polpettone:

Mettete ad ammorbidire l’uvetta in una ciotola colma di acqua.

Pulite, lavate, asciugate gli spinaci e le erbette.

Una volta terminata questa fase unite i vegetali su un tagliere e, utilizzando una mezzaluna, tagliuzzate tutto grossolanamente.

Pulite il cipollotto, procuratevi la quantità che vi occorre, poi tritate finemente e fate rosolare in una larga padella antiaderente con un filo di olio.

Unite gli spinaci, le erbette e la rucola al cipollotto. Aggiungete 2 cucchiai di acqua e un pizzico di sale.

Cuocete per una decina di minuti a fuoco basso. mescolate di tanto in tanto.

Trascorso questo tempo spegnete la fiamma e lasciate intiepidire.

Lavate e asciugate la rucola, poi tagliatela grossolanamente, proprio come avete fatto con spinaci ed erbette.

In un mixer unite le verdure, la rucola le uova, il caprino, lo zenzero, il parmigiano, il pangrattato. Salate e pepate.

Azionate il mixer e lasciate che tutto si amalgami per un paio di minuti.

Unite ora l’uvetta strizzata e mescolate con una spatola.

Versate il composto in una teglia quadrata (unta di olio e cosparsa di pangrattato) o in uno stampo da plumcake antiaderente (oppure foderatelo con della carta da forno bagnata e strizzata) e cuocete in forno già caldo a 170° per circa 40 minuti.

Ultimata la cottura togliete il polpettone dal forno e sformate.

Per la salsa:

Dissalate i capperi e tritateli con un coltello.

In una ciotola unite la maionese di riso Bio, lo yogurt e i capperi.

Amalgamate con cura i tre ingredienti.

Servite il polpettone preferibilmente tiepido, magari a cubetti, accompagnandolo con la salsa.

Testo: Francesca Riva

Photo: Giovanna Hoang

Realizzazione della ricetta e food styling: Francesca Riva e Giovanna Hoang

polpettone vegetariano - maionese bio 660

Written By
More from Francesca Riva
Génèpy
Una bottiglia di Génèpy è l’ideale per questo giorno. Come mai? Ma...
Read More
Join the Conversation

3 Comments

  1. says: Fabio

    E’ un tema col quale mi confronto anche io soprattutto da quando ho un animale in casa. Sono onnivoro, ma cerco di stare più attento anche a ciò che mangio. Un po’ come dici tu insomma. E poi amo anche io frutta e verdura, quindi nessun problema a mangiare vegetariano, anche perché, come dimostri anche tu con questa tua ricetta, si può mangiare ugualmente benissimo.

    Fabio

  2. says: Marghe

    Io ho la sorellina vegetariana, quindi da anni rifletto su questo tema e concordo in tutto e per tutto con voi.
    Sono anche amantissima delle verdure e questo polpettone, per la cronaca, è da paura 🙂
    Un bacino

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *