Madeleines alla fragola con petali di rosa

Che siate felici per la primavera che esplode in fiori e colori pastello tutto intorno o che siate contrariati per i motivi più disparati, delle Madeleines alla fragola con petali di rosa saranno perfette per tutti, in ogni caso.

Questi dolcetti di origine francese dall’aspetto che ricorda vagamente una conchiglia, possono essere lasciati nudi o vestiti a festa, ad esempio con un ingrediente goloso come il cioccolato bianco ed elegante come i petali di rosa.

E se è carino vedere la doratura superficiale delle Madeleines che va in contrasto con un pizzico di bianco e di rosa, dovete sapere che non è questo quel quid in più che porterà alla sparizione rapidissima di questi dolci, ma l’ingrediente magico che rapirà olfatto e gusto senza possibilità di opporre resistenza è la farina.

Nella ricetta tradizionale delle Madeleines, tra gli ingredienti è indicata la farina 00 che tutti conosciamo bene e che utilizziamo spessissimo per la preparazione di dolci, ma io che spesso amo fare di testa mia, per la ricetta di oggi ho sperimentato una farina nuovissima, di cui non avevo mai sentito parlare e che mi è stata presentata da Pianeta Pane ovvero il primo portale italiano dedicato al pane artigianale e alla panificazione professionale. Su questo portale si possono trovare farine selezionate di altissima qualità che, per non compromettere la freschezza e le caratteristiche organolettiche specifiche dei prodotti, vengono spedite direttamente dai mulini che le producono.

La farina che ho usato per le mie Madeleines alla fragola con petali di rosa fa parte del gruppo delle Fruttarine e, nello specifico, ho utilizzato Fruttarine alla fragola.

La curiosità nasce spontanea quando si sente parlare di questo prodotto per la prima volta, ma basta aprire il pacchetto per rendersi conto che davvero questa farina mantiene tutto ciò che promette. Il profumo che si sprigiona nel momento stesso dell’apertura del pacchetto è quello di frutta maturata al sole, e l’incredulità continua. Setaccciando la farina, che alla vista assomiglia vagamente ad una farina integrale, si scopre che all’interno della polvere ci sono piccoli pezzettini di fragola che impreziosiranno qualsiasi impasto deciderete di preparare.

Questo accade perchè un kg di Fruttarine, prodotte da Molino Bertolo con grande professionalità e passione, contiene il 2% di frutta disidratata (che corrisponde a 180 g di frutta fresca) mescolata a una farina di grano tenero tipo 1 proveniente da grano 100% italiano da filiera controllata e certificata. Contenendo anche germe di grano è fonte di sali minerali, grassi buoni, sostanze fitoattive e fibre.

Inoltre, last but not least, il Pastry Chef Damiano Carrara mette la firma su queste farine innovative. Tradizione e sperimentazione si uniscono in un prodotto che diventa il punto d’incontro tra i quasi 300 anni di storia del Molino Bertolo e la creatività e la tecnica di un pasticcere che ama coniugare qualità e novità.

Se come me siete sempre curiosi di provare prodotti nuovi e particolari, se per voi impastare è un’attività di cui non riuscireste mai a fare a meno, se amate i prodotti da forno – in particolare i dolci fatti in casa che profumano di buono e grandi soddisfazioni – sono certa che la Fruttarine alla fragola avrebbe su di voi lo stesso effetto che ha avuto su di me. Mi spiego meglio: l’effetto che questa farina provoca è prima di stupore, poi di grande sorpresa, e infine arriva l’inevitabile colpo di fulmine.

A questo punto, se siete attanagliati dalla curiosità e vi va di provare questo prodotto, sappiate che per l’acquisto delle Fruttarine alla fragola sulla piattaforma di Pianeta Pane posso offrirvi uno SCONTO che otterrete indicando il codice wonderland10 al momento dell’ordine.

Ora vi lascio la ricetta, e anche un po’ di tempo per immaginare il profumo affascinante dalle Madeleines alla fragola e il loro sapore dolce di primavera.

Colgo anche l’occasione per ringraziare di cuore Simona Piccolini, mia grande amica e meravigliosa Pastry Chef, per i consigli preziosissimi e per l’affetto di sempre.

Ingredienti per circa 25 Madeleines:

150 g di farina Fruttarine alla fragola

125 g di burro morbido, a temperatura ambiente

150 g di zucchero semolato

1 pizzico di sale

2 uova grandi a temperatura ambiente

2 cucchiai di latte

1 cucchiaino da caffè di lievito per dolci

mezzo baccello di vaniglia

Per decorare:

150 g di cioccolato bianco

20 g di burro

Petali di rosa – o di boccioli di rosa – essiccati (garantiti per uso alimentare) e sbriciolati

Procedimento:

Tagliate longitudinalmente il baccello di vaniglia, prendetene una sola metà e raschiatene il contenuto con un coltellino. Tenete da parte fino al momento dell’utilizzo.

La farina Fruttarine contiene frutta disidratata, quindi non dovete setacciarla o tutti i piccoli pezzettini di fragola vi rimarranno nel setaccio.

Setacciate però il lievito per dolci che, come sapete, riesce sempre a formare tantissimi grumi.

Mescolate il lievito setacciato alla farina. Basterà un semplicissimo cucchiaio.

Nella vasca della planetaria – o in una terrina – versate le uova, il sale e lo zucchero. Montate gli ingredienti fino a quando avrete ottenuto una spuma bianca e soffice.

A questo punto unite la farina con il lievito, ma un cucchiaio per volta. Prima di aggiungere il cucchiaio successivo, assicuratevi sempre che quello precedente sia stato perfettamente incorporato al composto.

Una volta che avrete aggiunto tutta la farina, aggiungete il burro morbido – sempre poco alla volta – e poi il latte.

Incorporate ora anche il contenuto di metà baccello di vaniglia e amalgamate al composto.

L’impasto delle Madelines ha bisogno di riposare in frigorifero per far sì che gli ingredienti si leghino alla perfezione, e l’ideale sarebbe farlo riposare per una notte intera. Se siete tra quelli che non hanno mai voglia di aspettare, potrete trovare un compromesso un po’ stiracchiato e far riposare l’impasto per un paio d’ore, ma in quel caso sappiate che la consistenza dei vostri dolcetti potrebbe risentirne leggermente.

Trascorso il tempo del riposo dell’impasto e il vostro (sempre che abbiate optato per l’attesa di una notte), imburrate e infarinate uno stampo da Madeleines, scuotetelo bene per eliminare la farina in eccesso e poi distribuite l’impasto nelle conche aiutandovi con una spatola per livellarlo. Il quantitativo di impasto è di più o meno un cucchiaio per ogni conca.

Preriscaldate il forno a 200° in modalità statica. Una volta raggiunta la temperatura infornate lo stampo e fate cuocere per 5 minuti. A questo punto spegnete il forno e lasciatelo chiuso (MI RACCOMANDO!) per altri 5 minuti. In questi 5 minuti sulla superficie delle vostre Madeleines in progress si sarà formata una sorta di gobba. Questo è il segnale che tutto sta procedendo alla meraviglia. Sempre SENZA MAI aprire il forno – o rischierete che la caratteristica gobbetta si sgonfi in men che non si dica -, riaccendetelo e impostatelo sempre in modalità statica ma alla temperatura di 170°. Cuocete per altri 5/7 minuti, fino a colorazione.

Una volta pronte, sfornate le Madeleine e, con grande delicatezza, toglietele dallo stampo e fatele raffreddare su una gratella.

Per la decorazione:

Sciogliete a bagnomaria il burro unito al cioccolato bianco.

Quando l’unione dei due ingredienti avrà prodotto un composto fluido e setoso, intingetevi la punta delle Madeleines e riappoggiatele sulla gratella, così che il cioccolato in eccesso possa grondare con semplicità.

Quando la copertura di cioccolato sarà stabilizzata, ma ancora fluida, cospargetela con un pizzico di petali di rosa sbriciolati in modo da aggiungere un delicato tocco di colore e di primavera ai dolci.

Lasciate che il cioccolato si solidifichi perfettamente e poi servite.

Le Madeleines possono essere conservate per circa 3 giorni in un contenitore con coperchio.

E ora… lo volete dare un morso alla primavera?

Written By
More from Francesca Riva
Focaccine alla zucca e semi di papavero
Le focaccine alla zucca e semi di papavero sono buone sempre, ma...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *