Punch speziato alla mela

Un bicchiere di punch speziato alla mela è quello che ci vuole per risollevare le sorti di una domenica fredda e piovosa trascorsa lavorando davanti allo schermo del PC.

Già, il meteo di questi giorni ci ha rituffato in un’atmosfera novembrina e basta dare uno sguardo fuori dalla finestra perché un brivido freddo ci percorra la schiena. Tutto ciò potrebbe bastare a scoraggiarci rovinandoci l’umore nel tanto atteso fine settimana? Ovviamente no!

Per ogni problema, come dice il saggio, esiste sempre almeno una soluzione, e noi oggi ve la presentiamo servita in un bel bicchiere, rispolverando una ricetta della tradizione del Nord Europa.

Quello che conosciamo come punch, in molti paesi è conosciuto come Toddy, ed è una bevanda alcolica che ha lo scopo di riscaldare fin nel profondo chi ha passato del tempo al freddo e alle intemperie dell’inverno nordico.

Questa ricetta è presa dalla tradizione scandinava, e vi assicuro che vi conforterà.

Sorseggiata in compagnia di un buon libro, o di qualche amico, o semplicemente davanti ad un bel panorama, sarà la bevanda perfetta per risvegliarsi dal torpore e guardare con fiducia alle prime gemme verdi che l’ormai vicino marzo inizia a distribuire timidamente.

Ingredienti per 6 persone:

6 anelli di mela Golden Delicious

6 foglie di salvia fresca

6 stecche di cannella

1,2 dl di Whisky

6 cucchiaini da caffè di miele

Acqua bollente q.b.

Procedimento:

Prendete sei bicchieri da Cognac, mettete in ognuno una fetta di mela, una foglia di salvia e 1 stecca di cannella.

Mescolate miele e Whisky e versate nei bicchieri.

Lasciate in infusione per circa 30 minuti.

Trascorso questo tempo versate acqua bollente fino a riempire il bicchiere.

Il punch deve essere servito quando è ancora molto caldo.

Testo: Francesca Riva

Photo: Giovanna Hoang

Realizzazione della ricetta e food styling: Francesca Riva e Giovanna Hoang

punch 4242

Written By
More from Francesca Riva
Banana Bread aromatico
Ho scoperto l’esistenza del Banana Bread solo qualche annetto fa. L’avevo provato...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *