Macarons di Lorraine Pascale

Questo post sui Macaron di Lorraine Pascale lo dedico ad una donna a cui penso immediatamente ogni volta che mi imbatto in uno di questi dolcetti eleganti e colorati: Helga.

A dire la verità non ho ancora incontrato Helga di persona, ma è da qualche anno che parliamo di ricette, di cucina, di colazioni, pranzi, cene, di dolci e di spezie. Ci siamo incrociate nel misterioso ed infinito calderone del web, e discutendo della difficile reperibilità del pepe rosa di Sichuan in Lombardia (!!!), ho subito percepito una certa affinità di caratteri e di vedute. Solare, spiritosa, energica, di un’eleganza che traspare sempre dalle righe scambiate nei messaggi, Helga ha un debole per i macarons. Lo so perché me lo ha detto lei un bel po’ di tempo fa e io, proprio quella volta, le promisi brillantemente che un giorno gliene avrei portato qualcuno fatto da me.

Siccome (mea culpa!) di mesi ne sono passati diversi e ancora non siamo riuscite ad addentare in compagnia uno di questi francesissimi dolcini, ho pensato di farmi parzialmente perdonare con questo post.

In attesa di incontrarci per parlare incontenibilmente di qualsiasi cosa ci venga in mente ecco, Helga, un piccolo pensierino per te.

Spero che le nostre agende possano sincronizzarsi magicamente un giorno non troppo lontano!

Ho scelto questa particolare ricetta perché trovo sia più semplice di altre. Lorraine Pascale la spiega minuziosamente in una puntata della trasmissione “Lorraine Pascale e la sua cucina easy” in onda su Gambero rosso  e, sia a vederla che a farla, risulta effettivamente accessibile anche a chi è alle prime armi con sac à poche, albumi montati e compagnia bella. E’ comunque un procedimento complesso, quindi consiglio di attenersi alle dosi e ai tempi, abolendo (almeno in questo caso) il classico pensiero bislacco che fa tremare i polsi ai pasticceri e che si traduce nell’espressione ” Di solito io vado a occhio…”

Detto questo, eccovi la spiegazione di come Lorraine Pascale interpreta i Macarons…

 

[tabs_container]
[list type=”arrow”] [li]Per i macarons:[/li] [li]150 g di farina di mandorle[/li] [li]125 g di zucchero al velo[/li] [li]40 g di albume + 40 g di albume (dividetelo in due ciotole dato che vi serviranno in due fasi differenti)[/li] [li]110 g di zucchero semolato[/li] [li]2 cucchiai di acqua[/li] [li]colorante alimentare (se ne avete la possibilità scegliete quelli di origine naturale)[/li] [li]Per le farciture:[/li] [li]2 fragole (per i macarons rosa)[/li] [li]1 cucchiaino di pasta di pistacchio (per i macarons verdi)[/li] [li]1,5 dl di panna liquida fredda[/li] [li]2 cucchiai scarsi di zucchero al veloo[/li] [/list]
[list type=”arrow”] [li]Munitevi di sac à poche e di tappetino per macarons. In mancanza di quest’ultimo potete disegnare dei piccoli cerchietti dai 3 ai 4 cm di diametro su un foglio di carta da forno.[/li] [li]Per il primo composto:[/li] [li]Mescolate in una ciotola la farina di mandorle, lo zucchero al velo e i 40 g di albume. Lavorate con una frusta a mano fino ad ottenere un impasto che abbia la consistenza di una crema (per capirci non deve risultare liquido).[/li] [li]Dividete l’impasto in due e colorate una parte di rosa e l’altra di verde.[/li] [li]Ponete in frigorifero.[/li] [li]Per il secondo composto:[/li] [li]Mescolate lo zucchero semolato con l’acqua, scaldate in un pentolino sul fuoco fino ad ottenere uno sciroppo che somigli quasi ad un caramello liquido che non dovrete far colorare troppo (tenetelo più chiaro possibile, o i macarons risulteranno leggermente amarognoli). Una volta conclusa l’operazione dimenticatevi momentaneamente lo sciroppo.[/li] [li]Montate leggermente gli altri 40 g di albumi (non a neve… non ancora!), aggiungete lo sciroppo caramellato e solo ora munitevi di sbattitore e montate a neve. Dividete in due il composto. [/li] [li]Mescolate i primi composti (quello rosa e quello verde) con i secondi, lavorando delicatamente con una spatola larga fino a che otterrete qualcosa di simile ad una meringa lucida, compatta, ma ancora molto morbida. Correggete con dell’altro colorante se i colori vi sembrano troppo pallidi.[/li] [li]Riempite la sac à poche con il composto rosa, posizionate il tappetino o il foglio di carta da forno su una teglia, e lasciate una noce di composto in ogni dischetto. Terminato il composto rosa, cambiate la sac à poche o lavate quella già utilizzata, riempitela con il composto verde e ripetete l’operazione come per il composto rosa.[/li] [li]Una volta completata questa fase, battete delicatamente sul tavolo la teglia con il tappetino (o foglio), in modo che il composto si livelli perfettamente.[/li] [li]Fate riposare per circa 30 minuti.[/li] [li]Cuocere in forno statico già caldo a 170° per 15 minuti, avendo cura ti tenere il forno un po’ aperto per far uscire l’umidità in eccesso.[/li] [li]Sfornare.[/li] [li]Mentre lasciate raffreddare i dischetti dei Macarons preparate la crema per farcirli.[/li] [li]Dividete la panna in due ciotole.[/li] [li]Montate la prima parte di panna. Lavate, pulite e frullate le fragole e 1 cucchiaio di zucchero al velo. Unite alla panna creando una sorta di crema rosata e profumata.[/li] [li]Sbriciolate la pasta di mandorle nella panna ancora liquida e stemperate. Unite lo zucchero al velo e montate la panna fino a formare una farcitura omogenea e di un bel colore verde chiaro.[/li] [li]Farcite ora i macarons mettendo una noce di farcia su un dischetto e sovrapponendovene un altro.[/li] [li]Lasciate riposare qualche ora.[/li] [/li] [/list]
[/tabs_container]

E’ vero, i passaggi non sono pochi, ma volete mettere la soddisfazione di preparare questi piccoli bijoux della pasticceria a casa vostra? Vi assicuro che in questo modo li gusterete ancora di più!

Francine

 

macaron fragola e pistacchio-2

Written By
More from Francesca Riva
Brasato alla panna
La ricetta del brasato alla panna è sicuramente molto vintage, ma vi...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *